F.A.Q.
Home > F.A.Q. > Chi è il Nefrologo?

Chi è il Nefrologo?

La NEFROLOGIA, dal greco “νεϕρός” (nefros) che significa “rene” e “λόγος” (logos) che significa “studio”,  è la branca della medicina interna che studia i reni, morfologicamente e funzionalmente, i problemi che possono riguardarli ed i metodi di cura in caso di malattia.

Il NEFROLOGO, pertanto, è lo specialista che si occupa della diagnosi e della gestione della malattia renale: inquadrando le problematiche cliniche inerenti la funzione renale ed il suo eventuale deterioramento ed impostando, prima, una diagnosi con eventuali approfondimenti laboratoristici (specificamente su sangue ed urine) e/o di diagnostica per immagini  (ecografia, TAC, Risonanza magnetica, scintigrafia ecc.) e, quindi laddove possibile, una terapia (farmacologica e nutrizionale) finalizzata alla remissione della malattia stessa o quantomeno ad un definitivo rallentamento della sua progressione.

Inoltre, il nefrologo è lo specialista che si occupa anche di ipertensione arteriosa (idiopatica e secondaria), calcolosi renale,  e delle alterazioni che potrebbero manifestarsi in corso di malattia renale: squilibri idro-elettrolitici, alterazioni equilibrio acido-base, anemia, osteoporosi, uremia, etc.

Un ruolo particolare, infine, è svolto dal nefrologo in certe patologia della gravidanza (insorgenza di ipertensione e/o proteinuria in gravidanza, eclampsia o pre-eclampsia, gravidanza in pazienti già nefropatiche). Si tratta di condizioni in cui assumono particolare rilevanza sia la scelta dei farmaci che le decisioni cliniche sul “timing” più opportuno per il parto.

Ricapitolando il compito del nefrologo consiste nel riconoscere tempestivamente la problematica renale, particolarmente nelle fasi precoci, indi impostare la congrua terapia, in naturale collaborazione col curante e gli altri specialisti eventualmente coinvolti.
Stampa la pagina